La EUIPO ha dichiarato invalido il registrato marchio raffigurante una delle opere più famose di Banksy.

L’Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO), con la decisione del 14 settembre 2020, ha dichiarato invalido il marchio raffigurante l’opera “Lanciatore di Fiori” di Banksy, in quanto registrato  in malafede.

Il marchio era stato registrato nel 2014 dalla Pest Control Office Limited, società che gestisce le opere e i diritti sulle stesse in nome e per conto di Banksy, in relazione a diverse categorie merceologiche. La richiesta di annullamento è stata depositata nel 2019 dalla Full Color Black Limited, società che fotografa le opere dell’artista e ne commercializza le stampe.

La richiesta era fondata sulla circostanza che il marchio registrato non è mai stato usato in quanto tale dall’autore che lo ha solo riprodotto in diversi luoghi nella forma del graffito murale come opera d’arte. Banksy, inoltre, ne favorirebbe la riproduzione da parte dei terzi, considerata la sua nota avversione nei confronti del diritto d’autore. Appare quindi che l’artista abbia registrato la sua opera come marchio senza alcuna intenzione di utilizzarlo, ma unicamente per monopolizzare l’immagine per un periodo di tempo indefinito. Di conseguenza deve ritenersi la registrazione viziata da malafede.

La EUIPO ha accolto le ragioni della ricorrente dichiarando il marchio invalido per malafede. Può sussistere malafede laddove il titolare del marchio non abbia alcuna intenzione di usarlo nella sua funzione primaria di segno distintivo per distinguere beni o servizi e per indicarne l’origine. Il marchio in esame non è mai stato utilizzato in associazione a beni o servizi e, pertanto, deve ritenersi che sia stato registrato con l’unico intento di ledere gli interessi dei terzi o comunque di escluderli dall’uso dello stesso, in modo non coerente con le pratiche commerciali corrette.

(EUIPO Cancellation Division, decision on cancellation No 33 843 C delivered on 14 September 2020)