Beni culturali e digital heritage


La riproduzione dei beni culturali sia con metodi tradizionali, quali fotografie e video, sia con strumenti di nuova generazione quali i droni, che consentono di effettuare riprese di beni culturali visibili dall’alto (come, ad esempio, siti archeologici e parchi), coinvolge temi correlati all’individuazione dei titolari dei diritti, anche per le necessarie autorizzazioni.

I beni culturali presentano inoltre sempre maggiore interesse sotto il profilo della loro valorizzazione e conservazione tramite strumenti digitali (digital heritage). I nuovi metodi di ricostruzione tridimensionale (quali il campionamento, la visualizzazione in 3D e gli ologrammi) impongono tuttavia attente valutazioni sulle possibili forme di tutela riservate dal nostro ordinamento sia ai metodi in questione, sia ai risultati che ne derivano.